Cosa devi sapere

6 Svantaggi per implementare il proprio server di streaming live

Configurare il proprio server di streaming live può sembrare un approccio allettante per la trasmissione di streaming video live online. Dopotutto, un approccio fai-da-te allo streaming live dovrebbe significare che puoi fare tutto ciò che vuoi fare internamente. Con la fenomenale crescita dei servizi cloud negli ultimi anni, la costruzione e l’implementazione di un tale sistema può essere possibile per la maggior parte dei dipartimenti IT.

Tuttavia, ci sono anche gravi inconvenienti per implementare il proprio server di streaming live. Alcuni di questi svantaggi sono specifici per lo streaming di video live. Ad esempio, gli amministratori di sistema che hanno familiarità con i contenuti Web standard potrebbero non essere attrezzati per affrontare le sfide e i requisiti comuni per lo streaming di contenuti live. Inoltre, è possibile trasmettere video in diretta sul tuo sito Web tramite un servizio di streaming dedicato, mantenendo il controllo dei tuoi contenuti.

In tal caso, tu o la tua azienda potreste voler prendere in considerazione soluzioni di streaming professionali ,  La buona notizia è che, al giorno d’oggi, gli streamer live possono scegliere tra diverse piattaforme di streaming video che sono sia accessibili che convenienti. Il nostro servizio di streaming, ad esempio, offre piani tariffari per lo streaming live a prezzi accessibili anche per singoli streamer live non affiliati a un’azienda o un’azienda.

In questo articolo, speriamo di illuminare per i nostri lettori i rischi e le insidie ​​della creazione e del funzionamento del proprio server di streaming live. Il nostro obiettivo è aiutarti a prendere una decisione informata se è realistico e fattibile per te gestire il tuo server di streaming live.

6 potenziali svantaggi di un server live streaming fai-da-te

Ci sono una serie di potenziali svantaggi quando si tratta di utilizzare il proprio server di streaming live. Questi includono problemi di latenza, buffering, fail-safe, capacità di sicurezza e altro.

Ora esaminiamo sei dei problemi e delle sfide più comuni per le emittenti che tentano di eseguire il proprio server di streaming live.

1. Latenza

server di streaming live

La latenza si riferisce al tempo tra il momento in cui un utente richiede una determinata risorsa da un server e il momento in cui tale risorsa viene effettivamente visualizzata sul proprio computer. Questo tempo di ritardo tende ad aumentare in combinazione con diversi fattori.

Innanzitutto, la distanza gioca un ruolo. L’elaborazione dei dati che si spostano attraverso le reti di telecomunicazione richiede tempo. Pertanto, più il tuo server si trova dal tuo pubblico, più lento apparirà il tuo contenuto. La latenza aumenta anche con il carico del traffico. Con una manciata sola o piccola di server, questi problemi possono diventare gravosi.

2. Buffering

I rallentamenti della rete o i colli di bottiglia tra il server e il visualizzatore causano il buffering del feed video live. Probabilmente tutti voi avete sperimentato il buffering quando provate a trasmettere contenuti online e sapete quanto può essere frustrante.

I problemi di buffering possono essere mitigati attraverso lo streaming multi-bitrate e un lettore adattivo. Questo si chiama “streaming adattivo”. Tuttavia, anche con lo streaming adattivo possono persistere problemi di buffering. Se il tuo video diventa virale e un singolo server o un piccolo cluster viene colpito con un volume elevato di richieste, il tempo di buffering aumenterà rapidamente. Gli stream potrebbero persino non caricarsi affatto. Di conseguenza, si rischia di perdere spettatori e opportunità di raggiungere nuovi spettatori, tra le altre conseguenze negative.

3. Mancanza di ridondanza

La nostra migliore pratica raccomandata per lo streaming live è di avere sempre un flusso di backup. Con due flussi che arrivano ai tuoi spettatori tramite percorsi indipendenti, puoi bypassare i problemi durante la trasmissione. Questo approccio a doppio flusso è chiamato “ridondanza”.

server di streaming live

Quando si utilizza una rete di server dinamica, ad esempio una CDN di streaming live , questo problema è generalmente inesistente. Se una macchina non è in linea, il flusso di backup verrà immediatamente online.

La ridondanza diventa  molto più difficile e complessa con un’architettura server limitata. Un abbandono del servizio causato da un guasto dell’apparecchiatura, un aumento di potenza o altri problemi a livello di sistema può arrestare l’intero flusso. Anche se si dispone di un flusso di backup, questo non ha importanza quando un problema riguarda l’intero sistema.

4. Limiti spettatori

Un altro problema relativo all’esecuzione del proprio server di streaming live ha a che fare con la scala delle operazioni. Ogni server ha un numero finito di spettatori che possono eseguire lo streaming simultaneamente.

Passare da un server a due, o più man mano che il tuo pubblico cresce, può essere difficile da impostare e configurare. Se si verifica una crescita ancora maggiore (o si ha una trasmissione virale), è necessario potenziare le infrastrutture in modo significativo e spesso molto rapidamente. I costi e la complessità di questo possono soffocare molte emittenti, in particolare individui e piccole imprese. Inoltre, si potrebbe finire per pagare molto di più per risolvere i problemi di scala in corso di quanto si farebbe se si contraesse con una piattaforma professionale in primo luogo.

5. Vulnerabilità della sicurezza

server di streaming live

L’esecuzione del proprio server significa che hai totale autonomia. E  che significa che la sicurezza è completamente a voi. In un mondo in costante ransomware, attacchi di phishing e pirateria, proteggere un server è un compito complesso ed impegnativo.

Utilizzando un provider dedicato, tuttavia, è possibile aggirare la necessità di conoscenza della sicurezza e investimenti. Eventuali misure che è possibile mettere in atto su piccola scala sono probabilmente minori rispetto a un OVP professionale.

6. Debito tecnico

Un concetto essenziale per le imprese, le organizzazioni no profit e le università è il ” debito tecnico “. In sostanza, il debito tecnico si riferisce alle conseguenze della creazione di sistemi tecnologici critici. Una volta creato, è necessario mantenere questi sistemi integrali. Anche se i sistemi sono stati progettati per risolvere i problemi, possono anche causare nuovi problemi.

Nel tempo, una quantità crescente di tecnologia può creare un debito tecnico. Simile al debito finanziario, il debito tecnico può trascinare te e il tuo impegno del server di streaming live self-run. Questi obblighi tecnici interferiscono con la tua capacità di essere agili e investono tempo e risorse in nuove tecnologie. Certo, a volte la questione del debito tecnico è semplicemente inevitabile. Tuttavia, è una considerazione importante da tenere a mente per chiunque costruisca i propri server.[Tweet “6 svantaggi con l’implementazione del proprio #server #LiveStreaming: latenza, buffering, ridondanza, scala, sicurezza e debito tecnico.”]

Conclusione

Dati i sei numeri sopra descritti, spesso ha senso per le emittenti considerare un altro metodo di streaming live. Comprendiamo il fascino di un server di streaming live autogestito! Eppure abbiamo anche assistito in prima persona alle complicazioni che possono sorgere. E sappiamo che l’emittente media non può affrontare finanziariamente o tecnicamente tutti questi problemi.

Quindi qual è l’alternativa all’esecuzione del proprio server di streaming live? Un’ottima alternativa è utilizzare una piattaforma video online (OVP). Il nostro servizio , ad esempio, è collegato alla CDN Akamai . Con Akamai , stai consentendo ai tuoi spettatori di accedere a contenuti di alta qualità tramite un server più vicino a loro.

L’uso di un OVP combina il modello di business Software as a Service (SaaS) con Inafrastructure as a Service (IaaS). Pagando un canone mensile semplice e prevedibile, ottieni l’accesso a hardware e software di livello mondiale per supportarlo. La linea di fondo? Ti consigliamo di prendere in considerazione una piattaforma di streaming dedicata per aggirare i rischi, i costi e i tempi associati alla creazione della tua soluzione.

Provalo:

Il server per il tuo streaming live sarà attivato entro un’ora dalla conferma del ricevimento della richiesta. Riceverai una mail con i parametri del tuo servizio di prova
Condividi